Reggio Calabria
 

"Se non chiudi le scuole ti prendo a colpi di sciunetta", valanga di insulti social per il sindaco Falcomatà

falcomataInsulti, offese ed un linguaggio caratterizzato da un pesante turpiloquio sui social nei confronti del sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomata', "colpevole" di non avere disposto gia' da ieri la chiusura delle scuole cittadine a causa dell'allerta meteo diramato dalla Protezione civile calabrese. La chiusura delle scuole di Reggio Calabria e' stata disposta poi dal sindaco Falcomata' con un'ordinanza emessa nelle prime ore di stamani in seguito al peggioramento delle condizioni meteorologiche. A rivolgere gli insulti al sindaco sono stati, in particolare alcuni studenti. Falcomata' ha risposto a chi gli ha rivolto gli insulti con un post inserito sulla sua pagina facebook rivolto a tutti gli studenti. "Qualcuno - ha scritto il sindaco di Reggio Calabria - mi ha augurato 'cancro, tumore ed elseimer' messi insieme. Senza sapere, tra l'altro, che cancro e tumore sono di fatto la stessa cosa e che 'elseimer' si scrive 'alzheimer. Qualcuno, piu' audacemente, ha promesso di fare il 'pizzio', altri di 'menarmi con la sciunetta' e qualcun altro di 'stuprarmi'. Qualcun altro, invece, in tutta onesta', ha dichiarato che l'allerta va messa perche' ha sonno o perche' vuole giocare alla play. Qualcuno, infine, cultore della teoria della superiorita' della razza, pretende di non essere trattato come un 'nero". E' evidente che questi vostri compagni avrebbero bisogno di non perderne neanche uno di giorni di scuola, anche perche' credo che qualcuno di loro, come chi scrive 'all'erta' o 'la letta meteo', in classe non ci sia mai entrato! Ma e' evidente anche che abbiamo ancora molta strada da fare sul piano culturale, dell'educazione e del rispetto per le istituzioni. Oggi, comunque, le scuole sono chiuse perche' nella notte e' arrivato il bollettino di peggioramento delle condizioni meteo. Non e' un gioco. Durante la notte la Protezione civile, i volontari e i dipendenti comunali monitorano la situazione, presidiano i torrenti e le fiumare e sono pronti a intervenire in caso di calamita'. Dovremmo ringraziarli ogni giorno. E' in questi casi che il Sindaco chiude le scuole. Mi aiutate a farlo capire ai vostri compagni e magari anche ai vostri genitori?".

Gli insulti al sindaco vengono stigmatizzati dagli assessori comunali all'Istruzione ed alle Politiche sociali, Anna Nucera e Lucia Nucera, e dal Garante dell'Infanzia comunale Giovanna Campolo. "Il linguaggio dell'imprecazione e dell'offesa - scrivono - e' diffuso in ogni ambiente in cui le coordinate dell'azione pubblica non sono comprese o conosciute. Proponiamo l'apertura di una serie riflessione evidenziando l'assunzione di responsabilita' e la voglia di miglioramento degli stessi ragazzi che accompagnano il cammino di rigenerazione della nostra citta'. Da amministratrici di questa citta', da donne di scuola, formatrici e madri di famiglia, non possiamo che evidenziare lo spettacolo impietoso e barbaro che si mostra davanti ai nostri occhi, offerto da una parte dei nostri studenti, una minoranza di leoni da tastiera". Solidarieta' al sindaco Falcomata' e' stata espressa, oltre che in numerosi interventi sempre su facebook, dai rappresentanti degli studenti del liceo scientifico "Volta".