Catanzaro
 

Lamezia Terme (Cz), Mascaro presenta il suo programma alla gente

"Fra la storicità di piazza Fiorentino e l'entusiasmo di una appassionata platea, si è tenuto ieri sera, venerdì 15 novembre, l'incontro del candidato a sindaco per il comune di Lamezia Terme, avv. Paolo Mascaro, e di tutta la sua coalizione, "Con La Gente...per Lamezia"" si legge in una nota diramata dalla coalizione Mascaro.

"Una serata di politica autentica, quella che si coniuga ad impegno civico e opportunità umana, ma anche e soprattutto, di condivisione delle linee programmatiche del candidato Mascaro.
La serata ha avuto il suo inizio con l'intervento di alcuni candidati della coalizione che hanno acceso i riflettori sui tanti progetti già avviati dall'ex primo cittadino e verso i quali vi è già una concreta programmazione.
I candidati, 10 sul palco ma 46 presenti, hanno analizzato le progettualità toccando la questione ZES, la sanità, il campo rom di scordovillo, il rilancio economico e culturale dei centri storici, e la possibilità di trasformare Lamezia Terme in una opportunità di vita, da scegliere e far scegliere.
Incisivo da parte di tutti, l'invito al voto non per Mascaro ma nel rispetto di un diritto universalmente condiviso ma spesso puntualmente tradito. Un incontro scandito senza polemica alcuna ma nella trasparenza di parole e rispetto di ogni idea e opinione, al cui centro vi è non Paolo Mascaro ma Lamezia Terme.
Lamezia aveva bisogno di questa piazza stracolma di gente pronta a prendere in mano il destino di una città e di riportarla alla sua ordinaria bellezza e centralità. Con queste parole Paolo Mascaro ha salutato i tanti presenti, ringraziandoli per aver scelto di ascoltare i punti nevralgici non del suo ma del programma dei loro figli".

"Siamo una grande squadra – ha sottolineato il candidato Mascaro - che ha deciso di anteporre il territorio ai personalismi e al poter distruttivo delle polemiche e rivalità partitiche. Dobbiamo continuare nonostante tutto e tutti perché siamo l'immagine della Lamezia dei sogni, del sorriso, dei progetti concreti, che scende in campo per costruire senza lasciarsi spaventare da chi paventa incubi e destabilizzanti storie.
Con tutti i candidati sul palco ed il sottofondo di un Padre Nostro che potesse richiamare anche all'immagine cristiana di un gruppo di confratelli di polis e per la polis, Mascaro ha chiesto ai presenti di diffondere l'appello al voto non per la sua persona ma per adempiere ai diritti e doveri di ogni cittadino".