Catanzaro
 

Catanzaro, FI: “Viadotto Morandi-Bisantis? Non ci fidiamo delle rassicurazioni di Anas”

ponte catanzaro"La tragedia di Genova insegna che delle semplici rassicurazioni tecniche non ci si puo' fidare (Leggi qui la notizia). E le rassicurazioni, per la verita' molto superficiali, venute in queste ore dall'Anas Calabria circa le condizioni di salute del "nostro" Ponte Morandi non ci tranquillizzano per nulla". Così, in una nota, il gruppo di Forza Italia al Comune di Catanzaro, con riferimento al viadotto d'accesso al capoluogo calabrese, inaugurato nel 1962 e ideato dallo stesso progettista del ponte sull'A10 a Genova. "La lentezza con cui stanno avvenendo i lavori di manutenzione del ponte, iniziati addirittura nel luglio dello scorso anno, e l'indeterminatezza della conclusione degli stessi e dei successivi step - prosegue il gruppo di Forza Italia al Comune di Catanzaro - suscitano piu' di un dubbio. E' vero che la tecnica costruttiva della struttura catanzarese e' diversa da quella genovese, ma dal dibattito di queste ore e' emerso che per tutti i ponti esiste un'eta' programmata. Essendo il Morandi di Catanzaro addirittura piu' anziano di quello di Genova, le perplessita' non sono campate in aria. Pertanto - sostengono i consiglieri comunali forzisti di Catanzaro - ci sembra assolutamente necessario che l'Anas precisi ufficialmente e non solo sulla base di qualche telefonata con il Comune lo stato reale della situazione". Secondo il gruppo consiliare di Forza Italia di Catanzaro "nessuno vuole fare allarmismi, per carita', ma riteniamo sia giusto pretendere che l'Azienda renda noto lo stato dei lavori, degli interventi effettuati, di quelli fa effettuare e, soprattutto, faccia conoscere ufficialmente e sulla base di documenti i risultati dei cosiddetti "sondaggi preliminari". Anas fornisca elementi ufficiali anche per quanto riguarda i finanziamenti. Solo cosi' sara' possibile rassicurare realmente la popolazione ed evitare il dilagare della psicosi-ponte che, visti i fatti di Genova, e' piu' che comprensibile. La tragica esperienza di Genova purtroppo ha insegnato che la superficialita' e l'approssimazione sono l'anticamera delle sciagure".