Reggio Calabria
 

Giordano e Bova (Verdi): “No a spostamento del traffico gommato da Villa San Giovanni a Reggio Calabria”

"Risale ormai al 16 maggio u.s. l'appello lanciato dal Sindaco alla citta' perche' si opponga allo spostamento del traffico gommato da Villa a Reggio e manca ormai poco alla scadenza del "termine ultimo" dettato dal Ministero competente, previsto per la fine di Maggio, affinche' si presenti a ribadire il dissenso manifestato da piu' parti e a caldeggiare la costruzione del nuovo approdo a Bolano ma sopratutto a proporre una destinazione di quell'area una volta per tutte.

Certo che ,a leggere i giornali ultimamente c'e' da chiedersi ,qual'e' la verita?. Le amministrazioni dei comuni di Villa San Giovanni e Reggio Calabria, sembra parlino lingue diverse , basti leggere che Giorno 13 c.m. la cittadinanza veniva informata dell' "ultimatum" di 15 giorni dato dal Ministero dei Trasporti al nostro Sindaco, per presentare proposte progettuali alternative, destinate alla valorizzazione dell'area portuale di Reggio Calabria, oggi sito del progetto di approdo per il traffico pesante presentato dalla società Caronte&Tourist spa e la cui valutazione ambientale sembra sia pronta a ricevere l'approvazione ministeriale,con la Motivazione di decongestionare la viabilità di Villa San Giovanni, migliorandone di conseguenza la qualità dell'aria.

Di contro, giorno 22 c.m. sono apparse sugli organi di informazione locali le dichiarazioni del sindaco ff di Villa S.G. Richichi che informava dell'imminente liberazione della città dalla morsa dei tir, spostati sul futuro nuovo approdo di Bolano, località poco distante dal comune di Villa S.G..

Il progetto dell'area portuale di Bolano, come afferma il Capogruppo consiliare PD villese Salvatore Ciccone in un comunicato di giorno 18 maggio, è stato deliberato dal Consiglio Regionale e dal Prefetto Musolino nel 2009 ed oggi la Regione ha la possibilità di una copertura finanziaria per i 70 miliardi necessari alla realizzazione, come asserito dal suo assessore Francesco Russo. A detta della Sindaca ff Richichi, mancherebbe solo una sinergia territoriale della città metropolitana che, pensiamo noi Verdi, dovrebbe passare attraverso una presa di posizione Istituzionale a forte carattere identificativo dell'intera provincia ,come l'adozione di una delibera che esprima la volonta' di costruire l'approdo altenativo.

Alla luce di questo e stante la necessita' di non abbassare la guardia su quest'argomento noi dei Verdi di Reggio Calabria, ci poniamo però un dubbio: la società Caronte&Tourist spa è informata dell' imminente realizzazione dell'area attracchi di Bolano,come affermato dalla Sindaca ff di Villa ? O vorrebbe potenziare i propri servizi di trasporto anche sulla nostra città? Certo è che la valutazione ambientale per il progetto degli approdi a Reggio Calabria è stata trasmessa all'approvazione ministeriale in data 22/12/2015, mentre quello di Bolano è antecedente (2008/2009). Qualcosa non torna, tutto parrebbe far pensare al solito polverone politico.

Pur con queste considerazioni e dubbi, ergendoci ad ambasciatori del Sindaco di Reggio, gli sottoponiamo questa soluzione alternativa,e nell'ottica della trasversalità che ci contraddistingue, chiediamo al Sindaco Falcomatà di indire un incontro di tutte le forze politiche, sia rappresentate in Consiglio Comunale e Metropolitano che , come noi Verdi , non presenti nelle Istituzioni, perche' si elabori un documento politico comune che informi il nuovo ministro dei trasporti del no di un intera cittadinanza!". Lo affermano Vincenzo Giordano e Mimmo Bova, portavoce dei Verdi Reggio e Città Metropolitana.