Crotone
 

Crotone, Giancarlo Cerrelli (Lega): "Bloccare i poteri forti e l’assuefazione al disequilibrio"

«Credo sia giunto il momento di accendere la luce. Il nostro territorio è al buio ormai da svariati anni. Abbiamo il dovere di cambiare passo, perché non possiamo rimanere in questa contingenza che ci opprime. Ci sono dei poteri che vogliono farci rimanere in questa situazione e a noi tocca il dovere di rompere questo disequilibrio nel quale, spesso, i crotonesi si sono assuefatti e non hanno avuto il coraggio di alzare la testa».


Lo ha detto questa mattina Giancarlo Cerrelli, candidato alla Camera con il Centrodestra, in occasione della conferenza stampa tenutasi presso la sede di Fratelli d'Italia a Crotone.
«Il centrodestra, con la mia candidatura e quella dei miei colleghi Emanuela Altilia, di Gianni Iaconis e di Fausto Orsomarso, lavora all'unisono perché non si può più accettare che Crotone rimanga isolata dal resto dell'Italia e dal resto dell'Europa. Crotone è oggi il fanalino di coda e questo, certamente, è da addebitare a chi ha governato fino ad ora. Mi sorprende - ha proseguito Cerrelli - quando trovo persone che mi dicono "voglio votare M5S perché bisogna protestare, bisogna rompere questo equilibrio". Credo, invece, che non sia più il tempo di protestare: semmai è il tempo di costruire! Il M5S e il Partito Democratico non hanno elementi a tal fine nel loro programma, ma solo espedienti populisti che servono a impressionare la gente, parlare alla pancia, e sono inconsistenti nella loro sostanza. Se non cominciamo a progettare sul serio, a ricostruire una resurrezione del nostro territorio, rischiamo per altri decenni di rimanere mortificati, come lo siamo stati finora. E allora – ha concluso il candidato in quota Lega - l'unico rimedio è quello di scegliere la coalizione di centrodestra, che è unita e forte per fare grande questo territorio, e che continuerà a restare in mezzo alla gente».