Calcio
 

Menez si presenta: “Alla Reggina perché sento fiducia”. Ma lo stadio è circondato

Gallo e Menezdi Paolo Ficara - La città si mette a disposizione. Per proteggere l'investimento della Reggina, le misure anti-Covid sono diventate stringenti anche per la conferenza di presentazione di Jeremy Menez.

Carabinieri ad impedire l'accesso a piedi lato sud. Polizia e Guardia di Finanza a presidiare il lato opposto, lasciando transitare solo i giornalisti accreditati. Ufficiali ed agenti col tipico sorriso di chi è chiamato ad eseguire un ordine sbagliato. Il tutto, si suppone, per impedire l'arrivo di tifosi a caccia di autografi. Non sia mai che Menez venga a farsi contagiare proprio a Reggio Calabria.

"Benvenuti in un Granillo blindato, manco fosse la seconda guerra mondiale", ha detto un Presidente Gallo che trattiene bene la seccatura. Ora ci manca solo che venga vietato l'accesso a piedi sul corso Garibaldi, se qualcuno scorgerà l'asso francese a passeggio.

"Ringrazio Dimitrios Sounas. Mi ha lasciato il numero 7, cui tengo molto. Per un paio di stagioni avevo perso la passione. A livello tecnico, sono a disposizione del mister. Abbiamo parlato, vedremo come rendere la squadra più forte". Queste le prime parole del 33enne ex Roma e Milan, apparso sintetico ma determinato.

"Menez lo vedo come un campione. Di quelli guardati dai bambini che sperano di avere il poster o di scattarsi una foto - ha proseguito Luca Gallo - Quando sogni ciò che può fare, sogni quello che faresti tu e lo Proietti sulla sua figura. Quando fa un gol importante, ti alzi in piedi e dici che lo sapevi. Questo non accade con un giocatore normale. Quando la Reggina ha preso Menez, ha pensato di prendere un campione nel quale si rispecchia la città intera. Se ad amare questi colori è uno che viene da lontano, significa che i colori sono importanti. Ieri l'ho abbracciato spontaneamente".

Menez"Avevo altre squadre, ma la Reggina mi ha fatto sentire fiducia", ha ribadito Jeremy Menez. "È la dimostrazione che la Reggina può prendere giocatori del genere. Menez è una gran bella coccola per i tifosi, che non devono smettere di sognare", ha risposto Gallo a chi lo ha stimolato sui prossimi acquisti.

Una conferenza non lunghissima. Anche se Menez non ha altri impegni, essendo stata annullata la sua presenza nel pomeriggio allo store di piazza Duomo. Prima o poi torneremo ad una vita normale. Nella speranza anche di avere istituzioni normali.